LA REPRESSIONE NON CI FERMERA' !

Continua anche a Massa la campagna del potere per tagliare le gambe al nuovo movimento che sta crescendo in linea con il malcontento generale.

Per l'ennesima volta arrivano avvisi di garanzia a chi sceglie di schierarsi con coloro che lottano per mantenere il proprio posto di lavoro.

Eravamo in 2000 il 17 dicembre alla manifestazione a Carrara in sostegno ai lavoratori dei Nuovi Cantieri Apuania, cantieri che sono tuttora in pericolo di privatizzazione che porterebbe gravi danni ai lavoratori.

Il grosso numero dei manifestanti che ha partecipato alla protesta non pu˛ che aver spaventato gli organi di potere, come dimostrano gli avvisi di garanzia giunti a 8 militanti che vanno dai Giovani Comunisti agli anarchici, dai CARC e a noi del Collettivo Autonomo Konflitto.

I reati contestati sono quelli di resistenza aggravata e di (assurdo !!!) travisamento.

E' la terza volta, in mezzo anno scolastico, che vengono colpiti gli studenti:

prima per l'assalto ad Azione Giovani

poi per l'occupazione dell' Istituto d'Arte

ora per una manifestazione dei lavoratori

Forse perchŔ il movimento studentesco comincia a far paura?

Forse perchŔ la visione politica e sociale degli studenti ci porta a lottare a anche in campi extrastudenteschi quale il posto di lavoro?

La risposta chiedetela in questura, i fatti parlano da soli.

Sappiano che la lotta ancora una volta non si ferma ma avanza .

Le idee sono pi¨ forti delle denunce e dei manganelli.

Presidio di solidarietÓ sabato 6 Marzo 2004

ore 16 sotto il comune.

La solidarietÓ Ŕ un'arma, usiamola.

Collettivo Autonomo Konflitto

                   aderente alla Rete Toscana di Europposizione