C'è sempre uno sbirro alle costole di un povero!

Le ordinanze e i "provvedimenti" repressivi contro la povertà e i poveri non sono una novità.
La logica del nascondi la polvere sotto il tappeto non è nuova.
Cambia solo la "lavorazione" del tappeto.
lavorazione Kelim?
lavorazione sumak?
Ma in questi tempi in cui trama è ordito sono nel segno del "decoroso" mi torna in mente il caro vagabondo di Charlot; ladrone e nobile con la sua purezza d'animo: lui che si lustra la bombetta con lo sputo e la manica della giacchetta, lui che mangia le suole delle scarpe elegantemente con forchetta e coltello.
E' evidente che ci sono due concezioni di decoro contrapposte, come è scontato che c'è una tenerezza, una accoglienza ed una complicità fra malnati.


http://www.youtube.com/watch?v=1YRdQKilxOo


http://www.youtube.com/watch?v=ynqN2H2g0nM&feature=related)


vittoria