12 Agosto 2002: 10 ora e dintorni

Intorno alle 10,30 del 12 Agosto 2002 le agenzie di stampa lanciavano questa notizia.

il segretario di Stato per la Difesa Donal Rumsfeld rilancia la politica
delle "operazioni coperte" di intelligence in tutto il mondo contro il
terrorismo. Questo significa che la CIA sarebbe autorizzata a dare la caccia
ai miltanti di al-Qaeda fuori dell'Afghanistan, in tutti i territori
nazionali dove si "annidano" gli esponenti di questa organizzazione. Non
solo ma Rumsfeld ipotizza che detta "licenza di uccidere", che di questo in
pratica si tratta, sarebbe esplicata dai reparti speciali statunitensi
all'insaputa dei governi nazionali.

La notizia è grave gravissima, pure se si trattasse solo di al-Quaeda.
Ma noi tutti sappiamo che esistono le liste nere che annoverano nell'elenco
non solo al-Quaeda.

Di fronte all'evidenza del fatto che il nemico non va in vacanza e che leggi
"antiterrorismo" vengono varate in continuazione, con un gradualismo
accellerato e finalizzato ad una guerra che è stata dichiarata "infinita" e
"duratura", è necessario porsi la domanda:
ma ci troviamo a fronteggiare l'Impero amerikano, l'Impero boh!, o l'Imperialismo?.

Se si trattasse di Impero boh! i teorici dell'Impero boh! dovrebbero pure
dirci dove l'umanità o le moltiduni dovrebbero esodare, dato che gli amerikani vogliono
attuare il loro diritto di intervento senza preavviso ovunque.
Ora trattandosi di Impero boh! pare logico attendersi una risposta del tipo
"sulla luna di Orlando, a recuperare il senno perduto", dato che sulla luna
satellite, pure lì c'è tanto di bandiera amerikana. Naturalmente non daranno
la riposta in questi termini, ci faranno riferimenti a tanti
filosofeggiatori di scuola francese e dintorni, ma la sostanza della
risposta sarebbe quella su virgolettata.
A questi pifferai diciamo: prendetevi la responsabiltà di giocare di fronte
alla tragedia che sconvolge e sempre più sconvolgerà le moltitudini che
dite di avere a cuore.
Ai pretoriani disobbedienti, diretta emanazione dei teorici dell'Impero boh!
chiediamo: diteci come si fa a disobbedire ad una legge che è per sua natura
una enorme disobbedienza a tutto il diritto internazionale sin qui
conosciuto; in fatto di disobbedienza questi vi hanno scavalcato alla
grande! siamo curiosi di vedere cosa vi inventate per disubbidire alle
truppe di pronto intervento USA, siamo proprio curiosi, visto che siete dei
"pacifisti" inveterati.

Sgombrato il campo dai boh! resta la questione di fondo.
Ci troviamo a fronteggiare l'Impero Amerikano o l'Imperialismo?
Sono intervenuti cambiamenti dal vecchio imperialismo coloniale?
La categoria Imperialismo presupponeva la presenza di Stati imperialisti e
di conflitti tra potenze imperialiste. La presenza di diversi Stati
imperialisti imponeva regole di convivenza che reggevano finchè gli
interessi non colludevano.
Queste collusioni portarono alla prima e alla seconda guerra mondiale, la
quale ultima spazzo' via i residui paesi coloniali e stabilì l'ordine di due
potenze egemoni: quella degli USA e quella dell'URSS.
Se noi facciamo riferimento ad un paese come il Vietnam, vediamo chiaramente le cose.
La tattica dell'imperialismo era quella di conquistare porzione di
territorio dell'area di rapina o di interesse stategico, mettervi dei
governi locali "amici", ed intervenire su richiesta dei governi "amici" in
difesa della "libertà".
Il Vietnam condusse una lunga lotta di liberazione contro i francesi prima, contro gli americani poi.
Una lunga lotta contro l'imperialismo.

Cosa è cambiato dai tempi del Vietnam a quelli della guerra contro contro l'Iraq e
contro i Balcani?

La prima cosa è che di potenza egemonica c'è n'è rimasta una sola, ovvero
gli USA, tutte le altre nazioni o paesi coinvolti in queste guerre, erano
alle dirette dipendenze dell'impero amerikano, non si trattava di alleanze
più o meno paritarie come si erano viste in passato; tanto era irregolare
la situazione, che tali guerre vennero fatte passare come operazioni di polizia internazionale.
L'altra cosa nuova è che nei territori conquistati non si mettono governi
fantocci, ma si lasciano postazioni permamenti militari.
Infatti i governi fantocci, sono ora, di fronte all'insubordinazione
permanente delle masse, di fronte all'ingovernabilità totale delle
contraddizioni, talmente fantocci precari, pure, che è necessario il presidio
permanente della forza militare della potenza USA.
Qui l'unico Stato che ha di fatto dei possedimenti è lo Stato USA e, cosa
nuova, ha questi possedimenti in una zona nevralgica dell'Europa.stessa.
Nessuno può paragonare la situazione dei Balcani, per esempio, con la
situazione che esisteva in passato in Germania divisa in Est ed Ovest.
Anche se pure lì al confine degli stati Est/Ovest c'erano truppe di stanza
internazionali: primo perchè erano truppe di due potenze avverse;
secondo perchè allora si trattava di due paesi con governi che facevano una
politica autonoma pure essendo nel quadro di alleanze contrapposte.
Insomma ce lo vedete un Willy Brandt ora che fa una politica a testa sua da
qualche parte in Europa?, se ci prova, se esce un soggetto del genere di
sicuro finisce al Sacro Tribunale della Sacra Inquisizione Aia.
E' evidente che il tentativo dell'Europa di porsi come potenza di contrasto agli USA è fallito.
Non ha una potenza militare autonoma, non ha una indipendenza politica, seri
dubbi incominciano a circolare pure nei settori europeisti più convinti,
sulla sua possibilità di imporsi come potenza economica. In effetti tale è
la potenza economica del dollaro, l'unica vera moneta di fatto, che gli USA
si sono comprati pure la Russia, con gli annessi e connessi, tarpando di
fatto i sogni della Grande Europa sul nascere.
Quando la Turchia, entrerà in Europa, è avrà il rubinetto delle materie
prime, l'Europa sarà assoggettata del tutto, con buona(?!?) pace del popolo
Kurdo che tante speranze aveva riposto nell'Europa, potranno magari parlare
la loro lingua, ma si scorderanno di avere uno Stato indipendente e sovrano.
D'altronde che ci troviamo di fronte non all'imperialismo amerikano
ma all'impero amerikano lo dimostra l'atteggiamento di Bush rispetto al prossimo attacco all'Iraq.
Infatti a fronte della richiesta russa e francese di affidare la decisione sugli ispettori all'ONU,
Bush ha già fatto sapere che all'ONU chiederà di scegliere fra 2 opzioni:
o sarà l'ONU a dichiarare la guerra, altrimenti la dichiareranno gli USA.
Allora: IMPERIALISMO, O IMPERO AMERIKANO?

L'Avamposto degli Incompatibili