FUORI I PRETI DALLE NOSTRE VAGINE FUORI I PRETI DALLE NOSTRE VITE!

Via i preti e loro "lacchè" dalle nostre vite!!!!

In merito al disgustoso accadimento repressivo avvenuto al policlinico di Napoli nei confronti di una donna che aveva fatto ricorso all'aborto terapeutico, ci sono alcune considerazioni da fare.

E' troppo facile prendersela solo con il Vaticano, Ferrara e altri "lacchè" papalini. Intanto ricordiamoci che poco tempo fa il Papa era stato invitato all'università di Roma, all'inaugurazione dell'anno accademico, e di fronte alle proteste giustamente indignate verso questo invito da parte dei laici, i quali giustamente facevano notare che non era certo opportuno un tale invito,visto che tra religione e scienza c'è stato e continua da esserci conflitto: dalla questione Galilei all'attuale teoria creativista, si è levato un coro di proteste BIPARTISAN in difesa del Papa e del suo diritto ad esprimere i suoi pareri, le sue idee, a propagare il suo credo in qualsiasi luogo.

Di fronte a tale unanimità bisogna prendere atto che all'arretramento generale della struttura economica, come sempre avviene, corrisponde un arretramento anche della sovrastruttura, per cui i "diritti" che tanti, ancora, si ostinano a mendicare, sono prontamente messi in soffitta.

I DIRITTI NON SI MENDICANO SI CONQUISTANO CON LE LOTTE.

Di fronte ad una società che, di fatto, sta diventando teocratica come quella mussulmana bisogna essere determinati nel rivendicare la non ingerenza del vaticano e dei suoi "lacchè" nelle vite di noi tutti e in specie in quelle delle donne.

Perché, questo è altrettanto indubitabile, una visione teocratica della vita colpisce in primis le donne e la loro vita. Intanto bisogna dire che Papi, preti, e gerarchie ecclesiastiche non hanno ALCUNA AUTORITA' MORALE per insegnare comportamenti di vita a nessuno, specialmente in fatto di sesso e di autogestione della sessualità e della procreazione: alle donne poi, figuriamoci!!! La storia dei Papi è costellata di figli illegittimi, le monache praticavano aborti clandestini nei loro conventi, ed ora il Vaticano è coinvolto in una serie di scandali per pedofilia; già col tempo i gusti cambiano: prima ogni paese aveva i "figli del parroco" ora va di moda la pedofilia!
Questo tanto per dire come stanno le cose nella realtà, che troppo spesso viene o sottaciuta o artatamente e prontamente dimenticata. Lo stesso Ferrara che ora fa tanto il moralista, anni fa dava lezioni di sesso in TV con sua moglie, pensate che bello spettacolo! Ma che i moralisti hanno la rogna è risaputo, che invece di grattarsi la loro vanno a cercare il foruncoli degli altri è risaputo altrettanto! Tartufi della malora!!! Sempre a parlare del diritto alla vita, quando non c'è! sempre pronti a ignorarla o sfruttarla in tutti i modi quando c'è. Ma fate proprio schifo!

Nel caso specifico dell'episodio repressivo avvenuto al policlinico di Napoli ci sono considerazioni specifiche da fare. Intanto il fatto è avvenuto in campagna elettorale: la campagna elettorale si fa per ora sulla pelle donne, naturalmente pure sulla pelle dei lavoratori con le promesse da marinai di aumenti dei salari, sulla pelle dei morti di lavoro con l'impegno di legiferare contro gli "infortuni" e le "morti bianche", bianche di che? che dovreste solo arrossire di vergogna per tutte le DEVASTAZIONI con cui straziate questa cazzo di umanità che ancora vi sopporta, spero per poco!!

Naturalmente la campagna elettorale si farà con il comminare pene esemplari in tutti i por-cessi politici in corso, per la santa sicurezza, e con qualche altra spettacolare e fantasiosa operazione antiterrorismo e pure con qualche rassicurante, vittoriosa operazione antimafia: intanto la monnezza a Napoli sta sempre lì! perché la mafia vuole che stia lì!!! Non mancherà il solito fattaccio di cronaca su cui si apriranno le "porte" televisive, e vi pare che possa mancare il solito extracomunitario che commette una nefandezza?

Continuando ad analizzare il caso colpisce che il tutto si avvenuto su imput di una telefonata anonima.Vogliamo dire che come minimo è strano che per una telefonata anonima si mette su un blitz del genere? Su imput di una telefonata anonima si fa una irruzione di 7 uomini in divisa, senza mandato in un ospedale e si sequestrano feto e cartella clinica, per di più si intimidisce un'altra paziente presente al fatto. Segno dei tempi in cui viviamo. Questa è la loro sicurezza e la loro democrazia, per chi ancora si illude su certe fole!

Ora io qui non voglio come l'UDI stare a piangere sul fatto che il tutto era legale, che la legge 194 era stata osservata, che tutto era in regola. Quello è compito loro e ottica loro.

Io qui voglio ribadire che le donne hanno la facoltà di prendere decisioni autonome e autodeterminate su questioni che riguardano solo loro, visto che i figli li crescono loro, non li cresce certo il Papa o i suoi "lacchè". Le donne non sono delle minorate che non sanno valutare una cosa così coinvolgente come la maternità, e le ricadute che ci sono, in tutti i sensi, e per loro e per il nascituro, cari soloni che state sempre a chiacchierare sulle altre, sempre a colpevolizzare e a giudicare: le donne sanno valutare se il gioco vale la candela!

Sarà un modo brutale di dire le cose, ma la brutalità è d'obbligo, di fronte alla vostra schifosa ipocrisia. Voi e la vostra civiltà patriarcale che ci ha oppresso nei millenni castrando la nostra sessualità dalla cintura di castità all'infibulazione, per i vostri interessi di potere, per tenere schiavi i figli che facciamo noi.

NOI VOGLIAMO DECIDERE
senza suggeritori e confessori

NOI VOGLIAMO DECIDERE
perché noi sappiamo cosa è la tenerezza e la forza.

E DIFENDEREMO LA NOSTRA VOLONTA' DI SCELTA ALLA FACCIA VOSTRA

vittoria
L'Avamposto degli Incompatibili