"È talmente falso che la miseria sociale generi l'intelletto politico, che è vero piuttosto il contrario, che cioè il benessere sociale genera l'intelletto politico. L'intelletto politico è uno spiritualista, e viene concesso a colui che già nuota negli agi. Il nostro "prussiano" ascolti in proposito un economista francese, il signor Michel Chevalier: "Nell'anno 1789, allorchè la borghesia si sollevò, per essere libera le mancava soltanto la partecipazione al governo del paese. La liberazione, per essa, consistette nello strappare dalle mani dei privilegiati che tenevano il monopolio di queste funzioni, la direzione degli affari pubblici, le massime funzioni civili, militari e religiose. Ricca e illuminata, in grado di essere sufficiente a se stessa, e di guidare se stessa essa voleva sottrarsi al régime du bon plaisir".

"Ma non scoppiano forse tutte le rivolte, senza eccezione, nel disperato isolamento dell'uomo dall'ordine esistente? Non presuppone forse necessariamente, ogni rivolta, questo isolamento? La rivoluzione del 1789 sarebbe mai avvenuta senza il disperato isolamento dei cittadini francesi dall'ordine statale vigente? Essa era appunto destinata a sopprimere tale isolamento... Come il disperato isolamento dalla natura umana è infinitamente più universale, insopportabile, pauroso, contraddittorio dell'isolamento dall'ordine politico esistente, così la soppressione di questo isolamento e perfino una sua parziale riduzione, una rivolta contro questo isolamento ha un'ampiezza infinita, così l'uomo è egli stesso infinitamente più che il cittadino dello Stato, e la vita umana infinitamente più che la vita politica" (Marx: Le Glosse marginali in risposta a "il Re di Prussia e la rivolta sociale, firmato: un Prussiano")

http://www.marxists.org/italiano/marx-engels/1844/8/glosse.htm

Ho messo il link perché può essere utile rileggerlo in questi giorni di "rivoluzione verde", quando in effetti di una rivolta sociale, invece, si tratta.
Chi sta in piazza, infatti, in Iran? chi sta in rivolta? chi viene ucciso ed incarcerato. Non certo il proletariato, ma una mescolanza di ceti, di classi, che hanno tutte però una urgenza in comune: uscire da un ordine obsoleto asfissiante, che non risponde più a dei bisogni urgenti, pressanti, per andare oltre, verso il nuovo e il diverso: logico che in questa urgenza e su questa urgenza, trovano alleati in vario grado interessati a questo cambiamento: scontato! dato che non di una rivoluzione si tratta ma di una rivolta sociale, persino all'interno dell'establishement, evidentemente molto destabilizzato, hanno alleati.

Chi sta in pazza in Iran? intanto la prima cosa che colpisce è che in piazza ci stanno i giovani, il 70% della popolazione iraniana è giovane: se pensate che i 65enni ed oltre sono appena il 5% della popolazione, eppure i vecchi preti sono l'autorità massima trattandosi di uno stato teocratico democratico, con la loro milizia di pasdaran giovani e giovanili.
Un dato importante da considerare, secondo me, è questo fatto: che nei paesi del terzo e quarto mondo, nei paesi a capitalismo rampante: giovani, sopratutto; in occidente, di contro, vecchi.
Sono giovani mussulmani? conta questo più del fatto che sono giovani? non so quanto conti, perché i giovani i dalla Grecia, a Teheran, dalla Cina a Guadalupe, a Londra alle Banlieuse, portano tutti i Jeans anche col velo! sentono la stessa musica, navigano in rete, hanno i cellulari..tra l'altro siccome lo stato iraniano deve dimostrare che teocratico si, ma democratico ha puntato moto sull'istruzione, i giovani iraniani sono tutti acculturati, tutti scolarizzati, o quasi tutti, e quando sei acculturato poi succede che ti acculturi anche da solo, per te: non solo la "scuola di Stato" un giovane mussulmano sta in piazza perché vuole un Allah meno asfissiante, è vero, ma intanto ha visto come fanno gli scontri in Grecia nelle Balieuese e la stessa tattica, più o meno adotta, poi a furia di bruciare auto e copertoni e fare barricate si può anche chiedere: mi fermo qui o vado fino in fondo?
Per ora magari mi fermo qui, poi vediamo che succede in Grecia nelle balienuse ad Atene, in finale giovani siamo, che fretta abbiamo? e ci divertiremo di più al prossimo giro!
E infatti il problema grosso di tutti gli Stati è che un prossimo giro è sempre dietro l'angolo...che c'è dietro l'angolo? un prossimo giro!
Come viene letta questa rivolta sociale in Italia? da un lato così:

http://www.lernesto.it/index.aspx?m=77&f=2&IDArticolo=18334
v In maniera Prussiana,loro e non solo loro, ma tutto il movimento nowar per il re di Prussia integralista islamico tifava! e quindi dicono questo è uno spettacolo, questa è una sceneggiata messa su dagli americani per gli interessi di Washington, come è successo in Serbia con Milosevic,per poi passare a..."Georgia l'Ucraina, il Kirghiztan, il Libano, la Bielorussia, l'Indonesia e il Venezuela, sempre con l'intenzione di cambiare "regimi" non favorevoli agli interessi di Washington con governi "più amichevoli", sono adesso arrivate in Iran": Fanno tutto questo elenco di paesi e non parlano degli interessi sulle pipeline che ci sono non solo da parte USA, ma anche da parte Russia, Cina India, emirati arabi;l'Europa è destinata a fare da ruota di scorta degli Usa, forse, ora che la mosca con la testa montata italiana è stata tolta di torno: Obama ha detto alla mosca fastidiosa: levati il colbacco va'! e smetti di farti i giri in troika! ma chi ti credi di essere Napoleone? ed ora ti faccio vedere io chi sei, che tanto lo so chi sei! tolta di torno Italia, che conta per la sua posizione nel mediterraneo, vediamo cosa decidono di fare Francia e Germania, come si collocheranno in questo scontro intercapitalistico: parlano di tutti questi paesi e vedono solo gli Usa vedono, fosse così facile...ragazzi cresciuti e io non starei a dire: questa crisi sistemica porterà alla terza guerra mondiale. Parlano di tutti questi paesi e non parlano della Somalia, che ora sta nell'agenda di..cosa c'è dietro l'angolo? posto un link del 2007 per dimostrare che le cose non scoppiano per "magia", che da parecchio il problema delle pipeline e lo contro fra capitalismo e ancienne régime e nuovo va avanti: dai tempi dei guerra nei Balcani!

http://limes.espresso.repubblica.it/indexc885.html?p=187

Parlano anche dell'America Latina e non vedono le alleanze più o meno fallite per la crisi sistemica tra America Latina ed Iran!

http://www.osservatorioiraq.it/modules.php?name=News&file=article&sid=7129
parlano di tutti questi paesi e non parlano della Somalia
dove oltre gli interessi della Cina

http://it.euronews.net/2008/12/26/china-joins-anti-piracy-force-off-somalia/

Ci trovi come da tutte le altre parti che loro nominano le sorellone del petrolio e del gas e dentro le sorellone oltre la Cina e ci stanno tutti:,Francia.Germania.Italia dalle Comeco, all''Agip, alla Shell...in Francia c'è L'union Francaise des Industrie Pètrolieres(UFIP), facile prevedere in una crisi sistemica di questa "portata" lo scontro inevitabile fra interessi nazionali e sovranazionali.Non ci stanno soltanto gli USA sulla scacchiera, non c'è solo l'Impero, qui c'è una guerra tra Imperialismo vecchio e nuovo.
Quello che non capite e non solo voi! e che la crisi sistemica ha accelerato tutti i processi in corso, ma il movimiento è troppo "impegnato" a seguire i processi di parrocchia o quelli legali legati ai processi di parrocchia.

Il 23 febbraio di questo anno Frattini fece questa dichiarazione da Bruxelles

http://tg24.sky.it/tg24/mondo/2009/02/23/Afghanistan_Frattini_apre_allIran.html

Cosa significa secondo me? significa solo che gli USA hanno detto all'Europa, vai avanti su questa linea? e le questioni sono più complesse e complessive: l'Europa non ha una sua forza miliare, ci hanno provato Francia e Germania, ma Francia e Germania da sole,senza Russia, cosa contano? Cosa conta una Europa senza Russia?
Non ha nemmeno una coesione politica, hanno solo un patto economico, un patto economico in piena crisi sistemica senza una coesione politica e militare, dice la debolezza dell'Europa; La Russia oltre i problemi sul piano geopolitico con i paesi del suo ex impero Ossezia Georgia.... e paesi confinanti ed USA per rivalità geopolitiche e di controllo materie prime, sta, logicamente, anche lei fino al collo nella crisi economica sistemica, Putin e Mendvedev hanno dovuto portare i sussidi di disoccupazione nel dicembre del 2008 da 1500 rubli a 4900...altrimenti banlieuse anche a Mosca e in Siberia, la Russia con l'allegrone che ha preceduto Putin aveva privatizzato alla grande l'economia sull'"onda" di privato è giusto e bello, ora i privatizzati si trovano licenziati e si dicono "meglio pochi, maledetti subito, e statali!" e questo spiega il perché del ritorno allo STATALE di tutto il sistema capitalistico senza tanti giri ed analisi: cercare di tamponare la crisi, ritardare l'esplosione sociale, controllare le masse.
Sono solo in crisi sistemica gli USA l'Europa la Russia il Giappone la Cina....? in una economia globale no, è logico, chi è che è anche in crisi con tutta la sua materia prima i suoi barili e suoi petrodollari? anche i paesi Arabi, per esempio Dubai ed Arabia Saudita.

http://www.asianews.it/index.php?l=it&art=15402

L'Arabia saudita ha i pirati Somali che gli fottono i barili con tutte le super navi.

http://it.wikinews.org/wiki/Somalia:_i_pirati_sequestrano_la_superpetroliera_saudita_Sirius_Star

http://it.wikinews.org/wiki/Somalia:_i_pirati_sequestrano_la_superpetroliera_saudita_Sirius_Star

corridoi delle pipeline, crisi economica si intrecciano, con dentro le masse mondiali che faranno rivolte sociali a catena.
L'Arabia Saudita alleata fedelissimo degli USA per ora "controlla" militarmente i pirati.

http://www.autprol.org/public/news/news000373123022009.htm

Io aspetto a vedere con chi si allinieranno i pirati somali che già hanno i loro alleati nel proseguire dello scontro, possono sempre diventare bucanieri! se già non lo sono.

In ogni caso il significato politico di tutta la questione per un comunista, per un marxista è: L'INTEGRALISMO ISLAMICO NON E' PIÙ FUNZIONALE ALLA RIMESSA IN MOTO DELL'ECONOMIA DEI PAESI ARABI DENTRO ANCHE LORO ALLA CRISI SISTEMICA: BIN TI DEVI TOGLIERE DAI COGLIONI! e saranno tristi il re di Prussia ed i prussiani occidentali, ma le cose stanno così! Grazie tante Bin ci sei stato utile fino ad ora, ma è venuto il momento che: fuori!
Sei stato utile te e gli scemi che ti sono venuti dietro prima contro i sovietici poi contro gli USA ma ora è il tempo che ti ritiri: GRAZIE!(se ancora è vivo, se ancora non lo tengono vivo tutti non solo gli USA).
Come vedete quindi, secondo me, la questione è più complessa di: tutto è un copione degli USA, perché gli scrivani del copione sono diversi e con interessi confliggenti.
Intanto come vedete le masse giovanili in Iran sono in rivolta e tutti invitano alla prudenza, lo steso OBAMA, gli stessi capi della rivolta, perché la situazione può sfuggire di mano a tutti in questa crisi sistemica, l'unico che urla è chi dice ho vinto le elezioni! :che si sente accerchiato, gli altri prudenti. perché la situazione è molto difficile complessa e complessiva, e non è facile dire all'integralismo islamico, levati di torno, non ci servi più, quando l'integralismo si è allargato dall'Africa SOMALIA!!! e non solo. al Pakistan.... e ai Balcani, quando insieme ai corridoi di pipeline che debbono prendere questa o quella strada bisogna anche decidere dove debbono sboccare questi corrodi: in Italia, per esempio: ad Otranto o a Trieste e dintorni?
In ogni caso per arrivare ad uno scontro frontale a livello mondiale gli schieramenti sono ancora in definizione e incominceranno a definirsi quando la...partita a biliardo avrà avuto il suo vincitore in Iran.
La crisi sistemica impone che i cantieri delle pipeline non restino impantanati perché gli USA sono impantanati in Afghanistan ed in Iraq militarmente, i cantieri non solo quelli delle pipeline debbo ripartire per rimettere in moto i meccanismo economico, e li si tratta di dollari, rubli, yen... di tutte le monete del mondo, monete reali, affari reali, e non è che possono stanziare moneta che diventa carta straccia per salvare solo questa e quella Banca, questa e quella finanziaria:il sistema deve o dovrebbe ripartire per estrarre plus valore sulle cose reali: di troppa liquidità si finisce...alcolisti.
Non so quanto gli USA siano in grado di svolgere la loro funzione di controllo del sistema globale e la sua crisi ancora per molto, la crisi si allarga a cerchi concentrici, ci hanno raccontato che è incominciata coi Subprime, sta di fatto che tolti di mezzo gli accattoni che si sognavano di farsi la casetta senza un dollaro, la speculazione sugli immobili continua ad altri livelli: o con le case di lusso a Dubai o con un casa più o meno media a Miami. E quando scoppierà il bollone delle carte di credito? Ci sanno provando gli USA con un nero e democratico ad uscire dalla crisi in cui si trovano impantanati: impantanati militarmente dove fanno le guerre, impantanati economicamente, con una situazione all'interno piena di etnie diverse, e infatti: nero alla Casa Bianca, ispanica alla Corte Suprema, perché il capitale più dei compagni, purtroppo!, sa le contraddizioni con cui si confronta e con cui dovrà confrontarsi.

La situazione è tutta in divenire, con un esito tragico, a parere mio ,ma intanto questa rivolta sociale non può essere guardata con sufficienza da un comunista o da un marxista.Sarà destinata a fallire ad essere recuperata, sarà di color verde, ma un marxista non può ignorare un movimento progressivo, rispetto all'oscurantismo, non può nemmeno storcere il naso di fronte a cose che aprono contraddizioni notevoli all'interno dello schieramento capitalista.
Ma, sinceramente, voi siete degli imbecilli totali, perché a prova di questo copione scritto portate il fatto che le manifestazioni si sono verificate in contemporanea in tutti i paesi occidentali: vi siete scordati che non solo i capitali circolano, ma circolano anche le persone! magari fate la Croce Rossa per i migranti con questa o quella ONG ma poi vi scordate che le persone circolano non come ai tempi di Lenin, Stalin, Mao, Bordiga...Bakunin e Malatesta per chi è anarchico.Gli Iraniani non stanno solo in Iran, gli iraniani stanno in tutti i paesi del mondo, ai tempi nostri,e non solo gli iraniani.

questo per i il re di Prussia Islamico e i suoi pasdaran prussiani.

d'altro versante invece chi trovo?
trovo chi pur dicendo cose più o meno giuste

http://roma.indymedia.org/node/10713

Mi parla di
I SENZA SCARPE IRANIANI!!!!
ma dove?dove?stanno i senza scarpe in Iran! ma quei ragazzi che stanno sulle piazze stanno in rivolta perché vogliono la Nike ai piedi come e tutti i ragazzi del mondo! e sarà Nike ma rispetto a chi li vuole tenere con gli zoccoli sempre meglio è! apre più contraddizioni apre!
I senza scarpe ci sono in Iran come ci sono in tutto il mondo, ma sulle piazze di Teheran non ci stanno, non ci stanno perché questa non è la loro rivolta, non è la rivoluzione.Se fossero senza scarpe starebbero coi mullah!
Perché bisogna capire anche chi sono e dove stanno i senza scarpe , li trovate a Gaza, i senza scarpe, li trovate qui! per esempio e questa volta sono cristiano non islamici

http://www.blitzquotidiano.it/cronaca-mondo/influenza-suina-egitto-alta-tensione-tra-musulmani-e-cristiani-copti-per-abbattimento-maiali-19129/

"Dopo la decisione del governo egiziano di abbattere i 300 mila e più maiali allevati nel Paese come misura preventiva della diffusione della febbre suina oltre un migliaio di cristiani copti - solo loro in Egitto allevano i suini, considerati impuri dall'Islam - si sono scontrati con la polizia per difendere i loro animali."

I senza scarpe li trovate nelle bidonville del mondo intero: dove c'è un una metropoli lì c'è una bidonville con i senza scarpe. Cosa dicono di questi senza scarpe gli ecologisti che ora hanno il nuovo leader Obama? o bene questo sistema di raccolta di immondizie che fanno i senza scarpe è molto funzionale! riescono a ricuperare e riciclare i rifiuti in modo efficiente.
Il che significa che il sistema capitale ecologico o no, migliore dei mondi possibile o no, pre-vede sempre i senza scarpe.

O RIVOLUZIONE O GUERRA!
PROLETARI DI TUTTO IL MONDO UNITEVI!
vittoria
l'Avamposto degli Incompatibili
www.controappunto.org

vedete anche se vi va

http://roma.indymedia.org/node/10628

http://roma.indymedia.org/node/10770