Come diceva il ferroviere di Germi quando brindava.
Ma in effetti....UVA? e che c'è da brindare sentendo le dichiarazioni del minimale episodio di Rinaldini a cui si contesta il microfono e che viene spintonato giù dal placo? E via, diciamoci la verità è proprio il minimo rispetto a quel che succede in altri paesi: ma il nostro è il paese in cui appena si spacca un bancomat o si tira giù qualcuno dal palco esce il coro di ...provocatori, teppisti e non volevamo ci è.... scappata la manata.
Questo è il paese di...dissociazione continua.

Comincio dai Cobas , quelli che avrebbero compiuto l'insano gesto.
http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/economia/fiat-4/reazioni-aggressione/reazioni-aggressione.html

intanto quella piccola contestazione, tra l'altro in un corteo poco partecipato! è definita VIOLENTA dall'estensore dell'articolo, ma sopratutto chi ha attuato la contestazione subito......
"Nessuna aggressione, è caduto dal palco nel parapiglia, ma lo abbiamo aiutato", e in effetti di un semplice parapiglia si è trattato, ma intanto si puntualizza lo "abbiamo aiutato", di sicuro non ci sarà nessun denunciato per questo parapiglia, altrimenti con questa dichiarazione come si potrebbe dare solidarietà?

Poi c'è la dichiarazione dello Slai Cobas

"Non c'è stata "nessuna aggressione", afferma in una nota e lo Slai Cobas. Con i dirigenti confederali presenti sul palco "era stato concordato che avrebbero potuto parlare anche lo Slai Cobas e gli operai di Nola", dice il sindacato. Ma qualcuno dei confederali, "che evidentemente non condivideva questa decisione, ha innescato una violenta provocazione per impedirlo. Nel parapiglia che ne seguiva - spiega ancora la nota - Rinaldini cadeva e veniva aiutato a rialzarsi da lavoratori dello Slai Cobas."
Finalmente si capisce la verità! era una semplice discussione per contendersi il microfono!
Di fronte alla crisi che sta tagliando posti di lavoro alla Fiat ci si imparapiglia per contendersi il microfono!
La Fiat sarà colosso fra i colossi nella ridefinizione dell'industria dell'auto, che vedrà: meno stabilimenti più forti e meno lavoratori, di contro, più deboli e ci si imparapiglia per i microfoni!
Perchè è scontato che gli stabilimenti in Italia verranno dismessi, visto che la Fiat ha già delocalizzato in paesi dove la mano d'opera ha un costo minore.
Pensate cosa sarà Pomigliano quando non ci sarà più la Fiat, cosa resterà a Pomigliano? la camorra soltanto.

Franceschini, ok, dice quello che deve dire un erede del PCI: CONTINUITA'!
"stiamo presentando proposte concrete esattamente per aiutare le persone e prevenire ogni forma di contrasto sociale", Bene quello che il PCI fa e dice da sempre!!! cambiagli nome ogni tot, ma lo stesso sempre fa!
Casini:
"La violenza - ha detto il leader dell'Udc - è sempre in agguato. Bisogna stare in guardia contro la violenza e il terrorismo. Siamo naturalmente solidali col governo per tutte le azioni di prevenzione che vorrà mettere in essere perchè non si scherza con la violenza, e la violenza politica è veramente infame".
ah qui siamo arrivati addirittura al TERRORISMO! e se abitava in Grecia che diceva????!!!!!: penso che dovremo aspettarci altri pacchetti sicurezza: divieti di sciopero, licenziamenti di sindacalisti, sospensioni e punizioni a raffica e naturalmente più zone rosse.

Bonnani parla addirittura di "azione squadristica"

e l'unica solidarietà da chi è data?
da Marcecaglia, a chi? è scontato!
"alla Fiom e a tutta la Cgil esprimo la più autentica solidarietà". E mi sarei stupita se non la dava!

Chi da una spiegazione poco poco rispondente alla realtà e ritengo con un certa preoccupazione non tanto per l'episodio specifico è D'Alema.

"è stato un atto di teppismo che dimostra la rischiosità di una situazione in cui una grave tensione sociale - dice l'ex ministro degli Esteri - a cui non c'è nessuna seria risposta politica da parte del governo, può diventare terreno fertile anche per l'azione di gruppi di provocatori".
Lasciando perdere i folkloristici teppisti e provocatori, solita routine! è espressa la preoccupazione che la tensione sociale può diventare terreno fertile di ribellione, sociale aggiungo io, fra... non so quando non ci sarà bisogno di provocatori a furia di essere provocati tutti: tutti provocatori!

Il tutto per una cosa, per me da nulla rispetto alla situazione reale che tutti viviamo, rispetto alle angosce vere col lavoro, senza lavoro, colla pensione, con terremoto e senza terremoto.
Ma questo è un paese di santi e di martiri, non di navigatori e poeti!
ma questo è un paese di una sopportazione veramente grande, grande assai: il paese debole del pensiero e dell'azione debole.

UVA?

Non credo proprio perchè fra le tante cose nell'Azienda delle Ferrovie è stato sancito il macchinista unico.
Questo subito appena sfornata la sentenza su Crevalcore, così piccolo spunto di riflessione per chi crede nelle vie legali, nella giustizia giusta.
Hanno detto che finalmente l'Italia sarà al passo con l'Europa, ha si? perchè in Italia c'è l'armamento, la segnaletica, le vetture che ci sono in Francia o in Giappone? ci scordiamo sempre che questo è il paese della mondezza, del cemento disarmato, dei treni con i cessi che fetono, dei finestrini bloccati, delle porte "capricciose" e dei vagoni colle zecche:
e ferrovieri e viaggiatori su questi treni del bel paese verso quante Crevalcore?.
Si il mondo è cambiato dai tempi del Ferroviere di Germi, nelle stazioni non c'è più il locale dove dopo il lavoro ti incontravi per rilassarti con i compagni di lavoro; le stazioni ora sembrano dei centri commerciale, sono dei centri commerciali.
Ma quelli che stanno sui treni per farli andare col loro lavoro o quelli che li prendono per andare al maledetto lavoro sono sempre gli stessi, con i loro drammi personali, familiari, con quelli che a Roma si chiamano strippi, solo che ora non hai più vicino un compagno con cui condividere lo strippo e nemmeno gli amici con cui svagarti dai tanti strippi.
E macchinista unico si! perchè questa è la società degli UNICI
UNI-STA
UNI-STAI
è la società della solitudine dei numeri singoli, dove si vive e si muore soli.
Guardatevi, guardatevi nel macchinista che
UNICO STA
quando sbuca dal tunnel nel treno in corsa e pensate che
voi, che noi tutti, per ora, siamo come lui.
E che finché
UNICO STAI
non sortiremo indenni dalla galleria.

http://www.youtube.com/watch?v=mq7DGla37L8&NR=1

http://www.youtube.com/watch?v=3TfodHPiVX8&feature=related

vittoria
L'Avamposto degli Incompatibili