Il 23 agosto l'OIL (Organizzazione Internazionale del Lavoro) ha proclamato questa data giornata Internazionale contro la schiavitù; una giornata per ricordare il commercio degli schiavi "non solo per il passato, ma per l'oggi e per il futuro".
Bene, si fa per dire, ammettono che c'è la schiavitù oggi e che in prospettiva ci sarà anche per il futuro.
Della schiavitù voglio fermarmi su un aspetto particolare e straziante:la schiavitù infantile e riportare le cifre snocciolate da Save the Children che in data 22/08/2008 ha presentato il suo rapporto.
Le donne hanno le loro organizzazione di genere; gli animali le loro organizzazioni di specie;
i lavoratori i loro sindacati;
i carcerati i loro comitati parenti ed amici;
i gay le loro arci;
i precari il loro santo
..........................................................

Tutti hanno tutto sembra, o almeno qualcosa che illuda di avere tutto, o il possibile, almeno quello che è possibile! Tutti hanno diritto ad un alibi consolatorio in democrazia.

In realtà ,di sicuro, tutti hanno dolore e morte.

i bambini, loro, hanno Save the Children, l'Unicef ed organizzazioni umanitarie; tante anime pie.

Ma veniamo alle cifre del rapporto:

2,7 milioni gli schiavi della tratta di esseri umani nel mondo, l'80% sono donne e bambini;
un volume d'affari gestito dalle mafie transnazionali (leggi sistema capitale secondo me!) di circa 32 miliardi di dollari l'anno, più o meno lo stesso fatturato del traffico d'armi e di quello della droga.
Per quanto riguarda l'Italia i dati ufficiali parlano di 54.559 vittime a cui è stato prestato soccorso(tra il 2000 e il 2007) : resta il sommerso, restano gli invisibili.
Luoghi di provenienza: Romania, con flussi notevoli anche da Moldova, Albania, Ucraina, Russa, Bulgaria.
Bambini ed adolescenti di entrambi i sessi ,anche di 11-12 anni che non provengono solo dall'Europa dell'Est, ma dalla Nigeria, Gabon, Camerun, India, Bangladesh:
Bambini sfruttati nel lavoro agricolo, nell'allevamento di bestiame, nel furto e nello spaccio di droghe, nella prostituzione, nell'accattonaggio, nelle produzioni dei sottoscala, il tutto negli ambienti più degradati e nella maniera più degradante.
Si suppone anche rapiti per traffico di organi, ma come trovare prove su questo? e poi nelle adozioni "illegali" che altri traffici nascondono.

Il loro destino è segnato dal luogo di provenienza:
dall'Europa dell'Est schiavi sopratutto per prostituzione ed accattonaggio; dall'Africa e dall'Asia schiavi del lavoro forzato, anche se dalla Nigeria e dal Camerun molta "carne d'opera" è ridotta in schiavitù per la prostituzione, ed io penso a quegli schifosi maschi ariani che vanno con queste ragazzine, perché il mercato della prostituzione ora richiede carne sempre più giovane, queste bambine per il cui riscatto bisogna pagare dai 30 ai 50 mila euro, spesso portate via coll'inganno, da un falso fidanzato, da false promesse, quegli stessi ariani che fanno le ronde per cacciarle dalle strade.
Bambini sotto i 14 anni perché non punibili legalmente, che dal Senegal e dal Gabon vengono comprati dalle mafie, insieme ai moschini nostrani, per lo spaccio di cocaina, eroina, crack...un bel viaggio, si , un bel viaggio veramente, uno sballo totale!: fatti uno bel viaggio, fatti , e poi chiamati "compagno" se ti va'!
Sono una moralista del cazzo? si sono una moralista del cazzo!
Molti di questi bambini che sbarcano a Lampedusa o che arrivano in Italia dopo l'approdo in Spagna dall'India, dal Bangladesh, dall'Africa del Nord e sub-sahariana, sono carne da macello per gli allevamenti e l'agricoltura Si. come

"Padrone mio te voglio arrecchire
come 'no cane voglio fatigare
quanno vado alla tavula a mangiare
la vita mia voglio straziare.

S'è fattu notte e lu patruni suspira
dici ch'è stata curta la jurnata
nun curà tanto lu pane e lu vinu
conta la cincu rana chi m'hai da dari."

per i nordici

"Padrone mio ti voglio arricchire
come un cane voglio faticare
quando vado alla tavola a mangiare
la vita mia voglio straziare.


S'è fatta notte e il padrone dice che è stata corta la giornata
non conta tanto il pane e il vino
contano le cinque lire che mi devi dare.".

Si, come così!

Numeri, cifre, rapporti che dicono in parte, in piccola parte la realtà dello sfruttamento, della schiavitù.

Ora al di là della commozione e della sofferenza e della crudele realtà di queste cifre e dati snocciolati anche con impudenza, sapete che vi dico? che anche questo rapporto sarà usato per una stretta sicuritaria, dato che i problemi nel Sistema Capitale non sono risolvibili si risponderà, da parte dello Stato, con retate di bambini accattoni, e con retate di prostitute minorenni e no,qualche capatina nei campi e negli allevamenti? non ne sono sicura.
link di riferimento per una visione più completa


http://www.controappunto.org/documentipolitici/FAO.html

vittoria oliva