Discorso pronunciato dal Presidente della Repubblica di Cuba, Fidel Castro Ruz, nella Conferenza Internazionale sul Finanziamento allo Sviluppo,
Città di Monterrey, Messico, 21 marzo 2002.

Eccellenze,
Ciò che dirò qui non sarà condiviso da tutti, però dirò quel che penso, e lo farò con rispetto.L'attuale ordine economico mondiale costituisce un sistema di saccheggio e sfruttamento come non è mai esistito nella storia. I popoli credono ogni giorno di meno in dichiarazioni e promesse. Il prestigio delle istituzioni finanziarie internazionali è sotto lo zero. L'economia mondiale è un gigantesco casinò. Recenti analisi indicano che per ogni dollaro che si impiega nel commercio mondiale, oltre
cento si impiegano in operazioni speculative che non c'entrano niente con l'economia reale. Questo ordine economico ha portato il 75% della popolazione mondiale al sottosviluppo. La povertà estrema nel Terzo Mondo raggiunge ormai la cifra di 1,2 miliardi di persone. L'abisso cresce, non si riduce. La differenza di
entrate tra i paesi più ricchi e quelli più poveri, che era di 37 volte nel 1960, è oggi di 74 volte. Si è arrivato a estremi tali che le tre persone più ricche del mondo possiedono attivi pari al PIL combinato dei 48 paesi
più poveri. Nel 2001 il numero di persone con fame fisica raggiunse la cifra di 826 milioni; 854 milioni di adulti analfabeti; 325 milioni di bambini che non vanno a scuola; 2 miliardi di persone che mancano di
medicine essenziali a basso costo; 2,4 miliardi di persone che non dispongono di condizioni elementari di risanamento. Non meno di undici milioni di bambini sotto i cinque anni muoiono ogni anno per cause
evitabili, e 500 mila restano definitivamente ciechi per mancanza di vitamina A. Gli abitanti del mondo sviluppato vivono 30 anni in più di quelli del Africa Subsahariana. Un vero genocidio! Non si può attribuire la colpa di questa tragedia ai paesi poveri. Essi non conquistarono e saccheggiarono durante secoli interi
continenti, né stabilirono il colonialismo, né ristabilirono la schiavitù, né crearono il moderno imperialismo. Ne furono le vittime. La responsabilità principale di finanziare il loro sviluppo spetta agli Stati che oggi, per ovvie ragioni storiche, usufruiscono dei benefici di quelle
atrocità. Il mondo ricco deve condonare il debito estero e concedere nuovi prestiti d'aiuto per finanziare lo sviluppo. Le offerte tradizionali di aiuto, sempre rachitiche e molte volte ridicole, sono insufficienti o non si
realizzano. Ciò che è necessario per un vero sviluppo economico e sociale sostenibile è molte volte più di quanto si afferma. Misure come quelle suggerite dal recentemente deceduto James Tobin per frenare il flusso
incontenibile della speculazione monetaria, anche se la sua idea non era quella di aiutare allo sviluppo, sarebbero oggi, forse, le uniche in grado di generare sufficienti fondi che, nelle mani degli organismi delle Nazioni Unite e non in quelle di funeste istituzioni come il FMI, potrebbero fornire aiuto diretto allo sviluppo con la partecipazione democratica di tutti, senza il sacrificio dell'indipendenza e della sovranità dei popoli. Il
progetto di consenso che ci viene imposto dai padroni del mondo in questa conferenza, è quello di rassegnarci a un'elemosina umiliante, condizionata e
che favorisce l'ingerenza. Bisogna ripensare tutto quanto creato da Bretton Woods fino ad oggi. Non ci fu allora una vera visione del futuro. Prevalsero i privilegi
e gli interessi del più potente. Di fronte alla profonda crisi attuale, ci offrono un futuro ancor peggiore, in cui non si risolverebbe mai la tragedia economica, sociale ed ecologica di un mondo che diventerà ogni giorno più
ingovernabile, dove ci saranno ogni giorno più poveri e più affamati, come se una grande parte dell'umanità fosse d'avanzo. E' ora di riflessione serena per i politici e gli uomini di Stato. Credere che un ordine economico e sociale che ha dimostrato di essere insostenibile possa essere imposto mediante la forza è un'idea pazza.
Le armi ogni volta più sofisticate che si accumulano negli
arsenali dei più ricchi e potenti, come dissi una volta, potranno uccidere gli analfabeti, i malati, i poveri e i famelici, ma non potranno uccidere l'ignoranza, le malattie, la povertà e la fame. Una volta tutte si dovrebbe dire "addio alle armi". Dev'essere fatta qualcosa per salvare l'umanità! Un mondo migliore è possibile!
Grazie.

Nota di chiarimento del Presidente della Repubblica di Cuba, Dott. Fidel
Castro Ruz, Monterrey, 21 marzo 2002

Signor Presidente, Le chiedo di concedermi venti secondi per un chiarimento.

Eccellenza,
Distinti delegati, Vi prego di scusarmi di non poter continuare in Vostra compagnia a causa di una situazione speciale creatasi per la mia partecipazione a questo Vertice, il che mi costringe a ritornare d'immediato
al mio paese. A capo della Delegazione di Cuba rimane il compagno Ricardo Alarcón de Quesada, Presidente dell'Assemblea Nazionale del Potere Popolare, instancabile lottatore per la difesa dei diritti del Terzo Mondo. Delego a lui le prerogative che in questa riunione spettavano a me quale Capo di Stato. Spero che non gli sia vietato di partecipare a nessuna delle attività ufficiali a cui ha diritto quale Capo della Delegazione cubana e quale Presidente dell'organo supremo del potere dello
Stato a Cuba.
Grazie.