LA RESISTENZA SCONOSCIUTA

continuano gli incontri del ciclo
L'ANTIFASCISMO NECESSARIO
Conoscere le dinamiche della dittatura fascista e riconoscerne l'eredità
nell'attuale vita politica quotidiana è assolutamente necessario di fronte
al revisionismo storico, al nazionalismo e al militarismo guerrafondaio, ai
rigurgiti razzisti e alla repressione violenta dei movimenti di lotta,
all'attacco clericale e alla riproposizione del modello di famiglia
patriarcale, alla concentrazione dei media , alla censura e all'autocensura.
E' altrettanto necessario conoscere le vicende dell'antifascismo per
renderci consapevoli di quanto e come possiamo e dobbiamo lottare contro
l'imposizione di un'ideologia di morte.

Questi incontri sono un piccolo contributo alla riflessione che rivolgiamo a
tutti e a tutte per non dimenticare, per non rassegnarci alla normalità del
fascismo, per toglielo dalle nostre pratiche quotidiane.


Martedì 20 aprile ore 20.30
LA RESISTENZA SCONOSCIUTA
iniziata con l'espandersi del fascismo, relegata dall'ufficialità della
"storia" a storia dei "movimenti minoritari".
Interverrà Italino Rossi, studioso dei movimenti operai e redattore della
"rivista storica dell'anarchismo"


Mercoledì 28 aprile ore 20.30
CREDERE, OBBEDIRE, COMBATTERE
Lavoro e propaganda, istruzione, vita quotidiana:
conoscere, riconoscere e non ripetere.
Interverranno Tristano Matta e Gloria Nemec ricercatori all'Istituto
Regionale per la storia del movimento di liberazione di Trieste

Tutti le serate si terranno presso il Centro Studi Libertari in via Mazzini
11 a Trieste


Attivo a Trieste da oltre vent'anni, il Centro studi libertari ha promoso
numerosissime attività culturali, organizzando incontri pubblici su temi
storici e di attualità-dalla pedagogia libertaria alla storia locale,
dall'antimiltarismo alle pratiche autogestionarie alla presentazione di
libri- collaborando con altre realtà culturali cittadine.

Insieme al gruppo anarchico Germinal gestisce una distribuzione di libri e
riviste, una biblioteca
di oltre duemila volumi-ora in via di catalogazione- ed un archivio dedicato
prevalentemente alla storia sociale e dei movimenti popolari ed operai.

Per maggiori informazioni, Centro Studi Libertari:
via Mazzini 11,
il martedì e il venerdì dalle 19.00 alle 21.00.
Tel. 040-368096