Alessandra Colla

Qualcuno penserà: chi è e che c'entra Alessandra Colla in tutto questo gioco della matrioska?
Apparentemente niente, visto che la Colla non risulta (usque tandem?) firmataria dell'appello per il 6 dicembre. Ma Alessandra Colla è un personaggio importante, primo perchè è stato il personaggio che ha permesso di scoprire qual'era il vero progetto politico per il 6 dicembre, secondo perchè sembra essere uno dei collegamenti fra varie persone comparse nell'appello per la manifestazione.
La Colla infatti è direttrice della rivista orionlibri, che è una specie di supermarket delle "opere letterarie" legate al pensiero (si fa per dire) fascista. E che di questo si tratti lo si evince già dal benvenuto che da il sito ai visitatori. Bene. Ora si da il caso che la Colla, oltre a essere la direttrice di orionlibri, pubblica per quella collana e vende in quel "supermarket" anche volumi alla cui stesura collabora insieme a personaggi come Giorgio Freda, Claudio Mutti e, in un libro sulla Palestina anche con Galoppini e Martinez, anche se adesso quest'ultimo libro viene presentato nel supermarket come miscellanea di Alessandra Colla, oltre naturalmente a collaborare a volumi scritti insieme al marito Murelli, che ha scontato diversi anni di carcere per la morte di un poliziotto in una manifestazione fascista.